Rinvio per il SISTRI

Versione stampabileVersione stampabileInvia emailInvia emailPDFPDF

Il Ministero dell'Ambiente ha raggiunto un accordo con le principali associazioni di categoria, riguardante l'entrata in vigore del sistema SISTRI.

Tenuto conto delle numerose proteste seguite al fallimentare click-day, lo scorso 11 maggio, è stato definito un avvio scaglionato del sistema di tracciabilità dei rifiuti.

Dal comunicato del ministero si apprende che il SISTRI entrerà in vigore:

  • il 1° settembre 2011 per produttori di rifiuti che abbiano più di 500 dipendenti, per gli impianti di smaltimento, incenerimento, etc. (circa 5 000) e per i trasportatori che sono autorizzati per trasporti annui superiori alle 3 000 tonnellate (circa 10 000);
  • il 1° ottobre 2011 produttori di rifiuti che abbiano da 250 a 500 dipendenti e “Comuni, Enti ed Imprese che gestiscono i rifiuti urbani della Regione Campania”;
  • il 1° novembre 2011 per produttori di rifiuti che abbiano da 50 a 249 dipendenti;
  • il 1° dicembre 2011 per produttori di rifiuti che abbiano da 10 a 49 dipendenti e i trasportatori che sono autorizzati per trasporti annui fino a 3 000 tonnellate (circa 10 000);
  • il 1° gennaio 2012 per produttori di rifiuti pericolosi che abbiano fino a 10 dipendenti.

Sono inoltre previste procedure di salvaguardia in caso di rallentamenti del sistema ed una attenuazione delle sanzioni nella prima fase dell’operatività del sistema.

Feed XML

Theme by Danetsoft and Danang Probo Sayekti inspired by Maksimer