Formazione sulla sicurezza: novità importanti

Versione stampabileVersione stampabileInvia emailInvia emailPDFPDF

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 del 11/01/2012 sono stati pubblicati i due accordi sanciti il 21 dicembre nella Conferenza Stato-Regioni. Essi riguardano la formazione dei Lavoratori (assieme ai Preposti e ai Dirigenti) e dei Datori di lavoro che assumono l'incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP).

Si tratta di due documenti estremamente importanti, perché destinati a uniformare le modalità di formazione del personale e dei datori di lavoro nel campo della sicurezza sul lavoro, e a disciplinare le modalità di aggiornamento periodico che la legge impone alle varie figure.

Gli accordi introducono il concetto di formazione in base al livello di rischio, di modo che la formazione diviene tanto più impegnativa quanto maggiore è il rischio aziendale. Il rischio aziendale è deciso dal settore ATECO di appartenenza dell'attività, e si struttura in tre livelli:

  • rischio basso: Commercio, Artigiani, Alberghi, Servizi;
  • rischio medio: Agricoltura, Pesca, Trasporti, Assistenza sociale non residenziale, Pubblica Amm., Istruzione;
  • rischio alto: Ind. Estrattive, Costruzioni, Alimentari, Tessile, Conciario, Legno, Carta, Metalli, Costruzioni meccaniche ed elettriche, Auto, Mobili, Energia-gas-acqua, Rifiuti, Chimica, Gomma, Plastica, Sanità, Assistenza sociale residenziale.

I Lavoratori sono formati secondo schemi modulari. Il primo modulo (4 ore), uguale per ogni tipo di attività, ha carattere generale e costituisce credito formativo permanente: un lavoratore che cambia azienda non deve essere nuovamente avviato alla formazione. Gli altri moduli, invece, trattano i rischi specifici del settore di appartenenza e i rischi propri dell'azienda di appartenenza, e richiedono un aggiornamento periodico. La durata della seconda fase della formazione è:

  • rischio basso: 4 ore;
  • rischio medio: 8 ore;
  • rischio alto: 12 ore.

I Preposti sono sottoposti a formazione aggiuntiva rispetto ai lavoratori: vuol dire che prima completano il programma base di formazione come lavoratori, e poi sono sottoposti anche alla formazione relativa al loro livello di responsabilità (altre 8 ore).

I Dirigenti hanno un percorso tutto loro, diviso in quattro moduli, per un totale di 16 ore. Dirigenti e preposti devono sottoporsi ad una verifica di apprendimento.

Tutte le figure precedenti devono sottoporsi ad aggiornamenti formativi periodici: l'accordo indica un minimo di 6 ore in 5 anni. Attenzione: se nelle aziende esistenti la formazione ai lavoratori è stata erogata da più di cinque anni, in sede di prima applicazione dell'accordo è obbligatorio completare l'aggiornamento entro dodici mesi dalla pubblicazione, cioè entro l'11 gennaio 2013.

I Datori di lavoro che assumono l'incarico di RSPP sono tenuti a seguire il seguente programma:

  • rischio basso: 16 ore;
  • rischio medio: 32 ore;
  • rischio alto: 48 ore.

Al termine, anche per loro è prevista una verifica di apprendimento. Il programma di aggiornamento per i Datori di lavoro (da attuarsi in 5 anni) è:

  • rischio basso: 6 ore;
  • rischio medio: 10 ore;
  • rischio alto: 14 ore.

Attenzione: quei Datori di lavoro che non hanno mai fatto alcun corso (in quanto esonerati dall'art. 95 del vecchio D.Lgs. 626/94), hanno 24 mesi di tempo per seguire un ciclo completo di aggiornamento (cioè, entro l'11 gennaio 2014).

La formazione per Lavoratori, Preposti e Dirigenti può essere tenuta da soggetti interno o esterni all'azienda con esperienza almeno triennale, in collaborazione con gli Enti Bilaterali / Organismi Paritetici. La formazione dei Datori di lavoro deve essere tenuta solo da soggetti accreditati secondo gli stessi schemi individuati per la formazione degli RSPP "classici".

Gli Enti Bilaterali / Organismi Paritetici della provincia di Vicenza (dati reperiti tramite ricerca on-line, pubblicati sui siti citati) sono elencati in tabella:

Nome Tipo Settore Indirizzo Telefono Email Web Filiazione di...
EBAV - Ente bilaterale Artigianato Veneto Ente bilaterale Artigianato Via Fermi, 134 - 36100 Vicenza 0444 392 300 sicurezza@confartigianatovicenza.it http://www.ebav.veneto.it Confartigianato / Sindacati
EBST - Ente bilaterale settore Terziario Ente bilaterale Commercio e turismo via Faccio, 38 - 36100 Vicenza 0444 962 633 non disponibile http://www.entebilateralevi.it AsCom / Sindacati
Comitato Paritetico Territoriale C.P.T. Organismo paritetico Edilizia Via Torino, 10 - 36100 Vicenza 0444 544 395 info@cptvicenza.it http://www.cptvicenza.it Assindustria / Sindacati
COBIS (Comitato Paritetico Regionale Bilaterale per la Sicurezza) Ente bilaterale Artigianato / Edilizia Via Fermi, 134 - 36100 Vicenza 0444 392 300 sicurezza@confartigianatovicenza.it http://www.cobis.it Confartigianato / CNA / Sindacati
Organismo Paritetico Provinciale O.P.P. Vicenza Organismo paritetico Industria (escl. Edilizia) Piazza Castello, 3 - 36100 Vicenza 0444 232 643 sindacale@assind.vi.it non disponibile Assindustria / Sindacati

Per chiudere questa breve introduzione, mi preme sottolineare che gli accordi prevedono importanti deroghe in fase di prima applicazione delle nuove regole. Pertanto, invito la Gentile Clientela a contattare direttamente lo Studio per i dettagli, in modo da definire con maggior precisione gli impegni futuri.

In allegato, riporto i testi degli accordi così come sono usciti dall'approvazione del 21 dicembre 2011.

AllegatoDimensione
2011-12-21_AccordoStatoRegioni_DatoreDiLavoroRSPP.pdf336.86 KB
2011-12-21_AccordoStatoRegioni_LavoratoriPrepostiDirigenti.pdf439.99 KB

Theme by Danetsoft and Danang Probo Sayekti inspired by Maksimer